abspace
home
Condividi:

Qui potete trovare alcune informazioni su uno dei piu' comuni problemi legati ai bambini: la febbre.
Potete anche vedere la tosse.


La temperatura corporea e' diverse in ogni persona e varia durante l'arco della giornata (tipicamente è più alta nel pomeriggio).
In alcuni momenti puo' essere piu' alta: durante il sonno, subito dopo i pasti, dopo uno sforzo, se l'ambiente dove si vive è troppo caldo.
L'aumento della temperatura e' una reazione di difesa dell'organismo all'attacco di microbi.
Se la febbre non è troppo elevata non va subito combattuta, specialmente se le condizioni generali si mantengono buone, poichè aiuta l'organismo a guarire.

Come si misura
Sino all'età della scuola è preferibile misurarla a livello rettale.
In quest'ultimo caso è necessario usare un termometro piccolo, prismatico, a bulbo arrotondato, la temperatura è normale fino a 38 °C; si deve porre attenzione a non tenere il termometro in mano (potrebbe rompersi!), invece stringere il sederino del bambino attorno ad esso.
La misurazione ascellare va effettuata usando un termometro a bulbo allungato.
La temperatura è da considerare normale fino a 37,3 °C.
La misurazione auricolare, che soprattutto nel bambino sotto l'anno può essere difficoltosa e che può non corrispondere al valore reale in caso di cerume, di arrossamento timpanico e di otite, è normale fino a 37,5 °C.

Osservate il bambino
Se il vostro bambino ha la febbre osservate il suo comportamento:
  • Come piange ? (forte, consolabile, o con un gemito continuo e ininterrotto)
  • Come risponde agli stimoli? (è vivace o ha eccessiva sonnolenza)
  • Ci sono altri segni di malattia? (tosse, vomito, diarrea, respirazione difficoltosa, macchie sulla pelle, dolori addominali, difficoltà a deglutire)
  • Cercate di capire se ha dolore e cosa duole ? (potete dargli sollievo offrendogli da bere acqua, tè, camomilla zuccherati a piccoli sorsi, a piacere, senza insistere troppo)
Cosa non si deve fare
  • Non forzate il bambino a mangiare.
  • Non copritelo troppo (specialmente dopo aver somministrato il farmaci per abbassare la febbre!)
Quando usare le medicine.
Si devono usare farmaci che abbassano la febbre solo se supera 38,5/39°C rettale, oppure 38/38,5 °C ascellare, o se c'è eccessivo malessere.

Quali medicine.
Il farmaco più usato per abbassare la febbre nei bambini è il paracetamolo.
Si somministra, usalmente, per bocca: in gocce, in sciroppo, in bustine o in compresse, solo se il bambino vomita si usano le supposte.

Il farmaco inizia la sua azione dopo mezz'ora/un'ora; terminato l'effetto la febbre può risalire.
Le dosi possono essere ripetute ogni 4-6 ore se la febbre si mantiene elevata (leggere attentamente il foglio allegato).
Meglio non disturbare il bambino quando riposa tranquillo per misurare la temperatura (al limite sentite le fronte per capire se la febbre è sotto controllo) o somministrare gli antifebbrili, ed attendere il suo naturale risveglio.

Quando consultare il pediatra ?
  • quando oltre la febbre c'e' un pianto debole o ininterrotto.
  • quando il bambino non risponde come al solito agli stimoli o e' eccessivamente sonnolento
  • quando la temperatura elevata persiste per più di 24 ore.
Se il vostro bambino ha meno di sei mesi e ha la febbre alta è bene informare il vostro Pediatra.

Se però il vostro bambino è più grande di sei mesi e le condizioni generali sono buone, potete attendere, somministrando eventualmente il farmaco antifebbrile che il vostro Pediatra vi ha consigliato.

La maggior parte degli episodi febbrili del bambino sono piccole infezioni di natura virale che guariscono spontaneamente in breve tempo senza altri farmaci.

Ricordate che il bambino con febbre può essere trasportato, purchè adeguatamente coperto, magari abbassando prima la temperatura con il farmaco antifebbrile.

Copyright © 2009 abspace - Design by alberto bellina

Sites:
PhotoFromTheWorld.com: foto da tutto il Mondo
100s.it: le classifiche i migliori 100
Sport-Team.net: sport ed eventi sportivi
www.ilDolceAmico.it: cimitero virtuale per animali
SchoolSpace.info