abspace
home
Condividi:

Il matrimonio civile

Le regole del matrimonio civile.


il matrimonio civile in municipio Il matrimonio civile viene spesso 'sminuito' rispetto al tradizionale cristiano, sia per ciò che riguarda un suo eventuale significato simbolico, sia per ciò che riguarda la preparazione giuridica e fisica dell'evento.

Niente di più sbagliato: un matrimonio celebrato in comune può essere sentito e pittoresco quanto uno celebrato in una bella Cattedrale. Ovviamente con le dovute precisazioni.
Se si vuole organizzare un matrimonio in Comune, la prima cosa alla quale pensare è la documentazione necessaria affinché il matrimonio possa svolgersi. In base alla legge Bassanini (n°127 del 13/5/1997) sull'autocertificazione, il quale ha reso molto meno oneroso l'aggravio giuridico dei due sposi, la coppia in procinto di sposarsi deve recarsi presso l'Ufficio di Stato Civile del Comune nel quale il matrimonio avrà luogo munita di carta d'identità e di una dichiarazione su carta semplice, dell'intenzione di contrarre matrimonio. In alternativa sarà possibile compilare un modulo prestampato.

Dopo di che verranno affisse le pubblicazioni per 8 giorni (da domenica a domenica).
In seguito all'affissione delle pubblicazioni per questo periodi di tempo sarà disponibile il nullaosta da presentare all'Ufficiale di Stato Civile.
Entro 180 giorni il matrimonio dovrà essere celebrato.
Sono quattro i requisiti necessari per contrarre matrimonio in Comune:
  • la maggiore età, o una dichiarazione, per chi ha compiuto 16 anni, da parte del Giudice del Tribunale dei minori che attesti la sua maturità psichica.
  • la sanità mentale
  • l'inesistenza di rapporti di parentela tra i futuri coniugi
  • presenza di nessun vincolo di status matrimoniale precedente.
Per rendere una sala comunale adatta ad una cerimonia sobria ma elegante sono pochi gli accorgimenti da cogliere e tutti strettamente legati al gusto degli sposi. Sarà quindi possibile dotare la stanza della cerimonia con delicati e non invadenti addobbi floreali da legare alle sedute degli sposi e dei loro testimoni (almeno due) e almeno due composizioni da porre ai lati dell'ufficiale officiante.
Per ciò che concerne l'abito da sposa, l'unico accorgimento da seguire non riguarda il colore, che ad ogni modo può essere bianco, ma l'eventuale velo o strascico.
Ne è sconsigliato l'utilizzo, a meno che non siano sobri e corti.
Nessun problema per il bouquet che la donna può tenere in mano mentre sfila con il padre verso il corridoio che porta al tavolo dell'officiante.

Il rito civile è molto semplice e di breve durata: circa venti minuti.
L'officiante leggerà gli articoli del Codice Civile che regolano le unioni matrimoniali, il 143, 144, ed il 147 e reciterà la formula di richiesta rituale tra due sposi, introducendo lo scambio degli anelli e la firma del registro comunale da parte di sposi e testimoni.


Copyright © 2009 abspace - Design by alberto bellina

Sites:
PhotoFromTheWorld.com: foto da tutto il Mondo
100s.it: le classifiche i migliori 100
Sport-Team.net: sport ed eventi sportivi
www.ilDolceAmico.it: cimitero virtuale per animali
SchoolSpace.info